alfredo macchi
: Roma

    Alfredo Macchi

    Giornalista, è nato nel 1967 in Svizzera e vive a Roma. Ha frequentato il VI biennio della Scuola di Giornalismo IFG Carlo De Martino di Milano ed è laureato in Scienze Politiche, indirizzo storico internazionale, all’Università Statale di Milano. Dal 1992 lavora a Mediaset. Come inviato è stato in molti teatri di guerra: Kosovo, Afghanistan, Libano, Iraq, Medio Oriente, Sud Sudan.
    Ha raccontato da Tunisia, Egitto e Libia le rivolte della Primavera Araba.
    Ha ricevuto alcuni tra i più importanti riconoscimenti di giornalismo: il Premio di Giornalismo Saint Vincent (2002), il Premio di Giornalismo Televisivo Ilaria Alpi (2009) per il miglior reportage italiano breve, il Premio Internazionale di Giornalismo Marco Luchetta (2010), il Premio Nazionale televisivo Guido Carletti (2011), il Premio in memoria di Enzo Baldoni e dei reporter caduti sui fronti di guerra (2011), il Premio Città di Anguillara (2012) e il Fiorino d’argento al XXX Premio Firenze (2012), il Premio il Molinello (2013) per il giornalismo e il Premio Giornalisti del Mediterraneo per la fotografia (2013).

    Mostre
    2002 “Due mesi in Afghanistan”, Libreria Hoepli, Milano
    2005 “Un’onda di speranza”, La Triennale, Milano
    2006 “Prima Visione”, galleria Bel Vedere, Milano
    2008 “Mpamaky Vato: gli spaccatori di pietra del Madagascar”, FotoGrafia Festival Internationale, Roma
    2008 Prima Biennale Internazionale di fotografia del Mondo Islamico, Teheran, Iran
    2008 “My public space”, Netherlands Architecture Institute, Rotterdam, Olanda

    Was born in Sorengo (Switzerland) in 1967 and lives in Rome.
    He is a television journalist and a special correspondent for Mediaset.
    He has documented the most important conflicts of the past 15 years, in Kosovo, Afghanistan, the Middle East, Iraq and Lebanon, as well as the uprisings in Egypt, Tunisia and Libya.
    He has won several awards for his reporting.
    His photographs, taken with his inseparable camera, have been published in newspapers and magazines and on book covers. They have been exhibited at La Triennale di Milano (2005), the Rome Festival of Photography (2008) and the First International Biennial of Photography of the Islamic world in Tehran (2008).