Roberto Baiocco
Psicologo

Svolge attività di ricerca nell’ambito della psicologia dello sviluppo e dell’educazione.
Curriculum in Ricerca Educativa e Psicologia dello Sviluppo. Responsabile del Servizio di consulenza sull'orientamento sessuale e identità di genere 6 Come Sei.
Nel 2005 consegue il titolo di Dottore di Ricerca presso la Facoltà di Psicologia della Sapienza Università di Roma. Si specializza con il massimo dei voti in Valutazione Psicologica presso la Sapienza e in Terapia Familiare presso la “Scuola Romana di Terapia Familiare”.
Dal 2005 è socio ordinario dell’Associazione Italiana di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione e membro dell’International Society of Developmental Psychology (dal 2012), dell’European Association for Research on Adolescence (dal 2012), dell'Albo dei Revisori Regione Lazio (dal 20112) e dell'Association for Research on Young Adults (dal 2013).

Ha scritto la prefazione di Genitori GAY- Good As You di Sara Kay.

Natalino Balasso
Attore

Sono un essere pensante abbastanza contemporaneo. Vivo tra la via Emilia e il Nord Est. Per campare faccio l'attore soprattutto in teatro, ma anche nel cinema e in televisione. Qualche volta faccio ridere. Scrivo libri di narrativa, meno di quanti vorrei scriverne. Ritengo che il Ministero per la Semplificazione dovrebbe cominciare tagliando se stesso. In una lingua sanscrita di 4000 anni fa la parola “stelle” si diceva “staras”, oggi gli americani dicono “stars”; credo che negli ultimi 4000 anni non abbiamo detto niente di nuovo sotto le stelle (dal blog di Natalino Balasso).

Ha scritto la prefazione di A come ateotelica di Carla Corsetti.

Carlo Bernardini
Fisico, professore emerito

Professore emerito di fisica, è stato professore ordinario di metodi matematici per la fisica all'Università La Sapienza, ed è direttore della rivista Sapere che dirige dal 1983. Un vero maestro di grande autorità intellettuale e morale che ha educato generazioni di giovani.
Fisico di caratura internazionale, è noto anche per la sua verve di polemista e divulgatore scientifico. Tra le sue opere più conosciute, oltre quelle di carattere scientifico: L'ingegno e il potere, scritto con Daniela Minerva (Sansoni, 1992), Idee per il governo: la ricerca scientifìca (Laterza, 1995), La fisica nella cultura italiana del '900 (Laterza, 1999) e Contare e raccontare. Dialogo sulle due culture (Laterza, 2003), scritto a quattro mani con Tullio De Mauro.
Nei primi anni sessanta collaborò alla realizzazione del primo sincrotrone, realizzandone, insieme ad altri fisici del laboratorio dell'INFN di Frascati, la costruzione dell'anello di accumulazione (AdA) sotto la supervisione di Bruno Touschek. Nel 1976 è anche stato eletto, come indipendente del Partito Comunista Italiano, al Senato nella VII Legislatura.

Ha scritto la prefazione di Alla ricerca di un uomo chiamato Gesù di Roberto Renzetti.

Barry Bradford
Docente

È considerato uno dei migliori docenti americani e tra i più dinamici oratori pubblici. Primo ad ottenere questo
riconoscimento, l’Organizzazione degli Storici Americani lo ha nominato miglior insegnante del Paese ed eminente lettore.
Ha ricevuto premi dal Presidente e dal Congresso degli Stati Uniti, oltre a una Lettera di riconoscenza nel 2006 per il suo impegno nel caso Mississippi Burning dall’allora senatore Barack Obama e al Wall of Tolerance Recognition nel 2003.

Ha scritto la prefazione di Amori diversi di Alessandro Ghebreigziabiher.

Matteo Bussola
fumettista, scrittore, conduttore radiofonico

Matteo Bussola è un fumettista, scrittore e conduttore radiofonico italiano, laureato in architettura allo IUAV di Venezia. Prima di intraprendere la carriera di fumettista lavora come progettista edile, ma all’età di 35 anni decide di investire nella sua passione per il disegno dei fumetti, trasformandola nella sua professione.
Lavora con Eura Editoriale esordendo, nel 2007, con il numero 23 di Detective Dante.
Oltre alla sua passione per i fumetti coltiva da sempre quella per la scrittura. Nel 2016 esce il suo primo libro Notti in bianco, baci a colazione (Einaudi Stile Libero), che diventa un best seller tradotto anche in Francia, Spagna, Germania e Stati Uniti
Da settembre 2017 conduce su Radio24, assieme a Federico Taddia, la trasmissione radiofonica I Padrieterni.

Ha scritto la prefazioni di Da quassù di Thomas Pistoia.

Stefania Cantatore
UDI Napoli

Si è sempre occupata di politica delle donne, ha lavorato per il Centro Italiano Difesa della Donna ed è la portavoce dell’Unione Donne in Italia (UDI) di Napoli.

L’Unione Donne in Italia (UDI) è un'associazione femminile di promozione politica, sociale e culturale, senza fini di lucro.
Nel novembre 1943 erano stati creati i Gruppi di difesa della donna diretti da Rina Piccolato, riunendo gruppi femminili e donne antifasciste d’ogni provenienza con lo scopo di mobilitare le masse femminili contro l'occupazione. Dai gruppi escono le prime gappiste, le partigiane combattenti, le staffette, tanto che i Gruppi vennero ufficialmente riconosciuti con il loro organo clandestino Noi donne dal Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia. Nel settembre 1944 a Napoli vengono poste le basi dell’UDI e anch’essa partecipa alla resistenza. L'Unione Donne Italiane si costituisce ufficialmente il 1º ottobre 1945 e pochi giorni dopo il primo congresso nazionale vede i Gruppi di difesa della donna confluire nell'unione per creare la più grande organizzazione per l’emancipazione femminile italiana. Nel 1947 al termine del secondo congresso viene eletta presidente dell’UDI la comunista Maria Maddalena Rossi. Segretaria generale è la socialista Rosa Fazio Longo. Nel comitato d'onore vengono chiamate Rita Montagnana, Ada Gobetti e Lina Merlin più tardi autrice della norma che mise fuori legge le case di tolleranza. A dirigere l'UDI viene creato anche un direttivo di ventisette donne e un consiglio nazionale di centocinquanta componenti. Nel 1982 viene avviata una rifondazione che porta a una nuova struttura. Di fatto viene accantonato un modello organizzativo che in quel momento contava su duecentodiecimila donne comuniste, socialiste e cattoliche distribuite in ottantaquattro sedi provinciali e melleduecentotrentacinque
circoli. Il 29 novembre 2003 assume il nome di Unione Donne in Italia. L’UDI ha sede a Roma e gruppi attivi in quasi tutte le regioni d'Italia.

Ha scritto la prefazione di Abortire tra gli obiettori (anche in ebook) di Laura Fiore.

Raffaele Carcano
UAAR

Laureato in scienze storico-religiose presso l’università di Roma “la Sapienza”. È stato segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, la più importante associazione italiana di non credenti (www.uaar.it). Ora si occupa della casa editrice dell'Associazione: Nessun Dogma.
Autore di Liberi di non credere, Editori Internazionali Riuniti e Uscire dal gregge, Storie di conversioni, battesimi, apostasie e sbattezzi (scritto insieme ad Adele Orioli), Luca Sossella Editore.

Ha scritto la prefazione di Il diavolo, l'altro dio di Roberto Renzetti.

Bruno Cartosio
Docente

(Tortona, 1943) è stato docente di Storia dell’America del Nord all’Università di Bergamo, dove ha presieduto la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dal 2008 al 2012. Si occupa da anni di storia sociale e culturale degli Stati Uniti. Ha fondato e diretto, con Alessandro Portelli, Ácoma. Rivista Internazionale di Studi Nordamericani. Tra i suoi volumi: Anni inquieti. Società, media, ideologie negli Stati Uniti da Truman a Kennedy, Editori Riuniti 1992; Da New York a Santa Fe. Terra, culture native, artisti e scrittori nel Sudovest, Giunti 1999; Più temuti che amati. Gli Stati Uniti nel nuovo secolo, Shake 2005; New York e il moderno. Società, arte e architettura nella metropoli americana, 1876-1917, Feltrinelli 2007; Stati Uniti contemporanei. Dalla guerra civile a oggi, Giunti 2010; I lunghi anni sessanta. Movimenti sociali e cultura politica negli Stati Uniti, Feltrinelli 2012; La grande frattura. Concentrazione della ricchezza e disuguaglianze sociali negli Stati Uniti, ombre corte 2013.

Ha scritto la prefazione di Da che parte stai? di Mariano De Simone.

Giulietto Chiesa
Giornalista

Giornalista professionista, è stato corrispondente da Mosca per l’Unità e La Stampa, oltre che per il TG5, il TG1 e il TG3.
In Russia ha tenuto per diversi anni una rubrica fissa sul settimanale Kompania (foglio edito dai circoli degli imprenditori). Ha scritto svariati libri tra questi molti sull’Unione Sovietica e sulla Russia, con un taglio che varia tra la storia, la cronaca e il reportage. Il suo primo libro verteva invece sul tentativo fallito della Delta Force di recuperare gli ostaggi statunitensi nell’ambasciata americana a Teheran (Operazione Teheran, De Donato, Bari, 1980). In seguito ha scritto L’Urss che cambia (Editori Riuniti, Roma, 1987). Questo volume è stato tradotto in lingua portoghese nel 1988. Con Medvedev esce in forma di dialogo nel 1990, per la Garzanti, La rivoluzione di Gorbaciov, dapprima pubblicata negli Stati Uniti (Time of Change, Pantheon Books, 1990), e successivamente in Giappone.
Nello stesso periodo pubblica Transizione alla Democrazia, per Lucarini Editore. Una nuova edizione, rimaneggiata e aggiornata assieme a Douglas Northrop, esce prima negli Stati Uniti e poi in Russia. Seguono Cronaca del Golpe Rosso, Baldini & Castoldi, Milano 1991, e Da Mosca, Cronaca di un colpo di stato annunciato, Laterza, Bari 1995. Sulle vicende russe ha poi scritto Russia Addio (Editori Riuniti, Roma 1997), tradotto anche in lingua russa con largo successo di pubblico (oltre 80 000 copie), e successivamente in lingua cinese (Editrice Nuova Cina, Pechino 1999) e in lingua greca (Kastaniotis, Atene 2000). Sul tema Russia ha scritto infine Roulette russa, Guerini e Associati, Milano 1999, uscito anche in Russia nel luglio 2000.
Dal 2001 in poi Giulietto Chiesa scrive e opera soprattutto sui temi della globalizzazione economica, politica e militare, con un’attenzione particolare sui suoi effetti sul sistema dei mass media. Ha pubblicato molti saggi su questo tema per riviste italiane ed estere.
Collabora con numerosi articoli anche con altri giornali russi: Literaturnaja Gazeta, Delovoi Vtornik, Moskovskie Novosti.
Gli ultimi saggi si concentrano sui temi della guerra e della globalizzazione. Per Einaudi ha scritto G8-Genova, la cronaca dei drammatici fatti del luglio 2001. Per Guerini e Associati ha invece pubblicato Afghanistan anno zero, assieme al giornalista e disegnatore satirico Vauro (con prefazione di Gino Strada Quest’opera ha superato le 115mila copie vendute, tra i bestseller della saggistica italiana per un anno.
Nel gennaio 2010, tramite un appello-manifesto pubblicato sul suo sito www.giuliettochiesa.it, ha dato il via all’associazione politica ‘Alternativa’. (fonte Wikipedia).

Ha scritto la prefazione di La chiesa... dopo Gesù di Roberto Renzetti.

Eugenio Finardi
Cantautore

Dopo l'incisione di un disco di canzoni per bambini all'età di nove anni, Palloncino rosso fuoco, inizia la carriera negli anni settanta come musicista rock, in gruppi quali  Tiger, Il Pacco, con il giovane chitarrista italo-brasiliano Alberto Camerini.
Inizia poi a scrivere canzoni con testi in inglese, e nel 1973 la Numero Uno (casa discografica di Mogol e Lucio Battisti) pubblica il suo primo 45 giri, con Spacey Stacey e Hard rock honey, brani con sonorità vicine all'hard rock, cantati in inglese, di cui Finardi scrive le musiche (i testi sono della cantautrice californiana Marva Jan Marrow). Decide quindi di passare  all'italiano, con testi diretti ed impegnati, e viene messo sotto contratto dalla Cramps di Gianni Sassi, Sergio Albergoni e Franco Mamone, che pubblica il suo primo album nel 1975: si intitola Non gettate alcun oggetto dai finestrini, e contiene anche una cover rock della canzone folk Saluteremo il signor padrone.
Il successo arriva l'anno dopo con Sugo, che porta in sé due delle sue canzoni più famose La radio e Musica Ribelle.

Ha scritto la prefazione di Gianni sassi, il provocatore di Luca Pollini.

https://www.eugeniofinardi.it/bio

Carlo Flamigni
Medico, accademico, scrittore

È un medico, accademico e scrittore italiano.
Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Bologna nel 1959, specializzandosi in seguito in Ostetricia e Ginecologia. Intraprese la carriera accademica presso la stessa Università, prima come libero docente e poi come professore incaricato. Dal 1980 al 2004 è stato professore ordinario, sempre presso l'Università di Bologna, di Endocrinologia Ginecologia e poi di Ginecologia e Ostetricia, proseguendo poi l'attività di docenza fino al 2008 come docente fuori ruolo.
Nell'ambito medico, tra il 1975 e il 1994 è stato direttore del servizio di Fisiopatologia della riproduzione per divenire poi direttore della Clinica Ostetrica e Ginecologica dell’Università degli Studi di Bologna, incarico ricoperto fino al 2001.
Si è interessato dei problemi relativi alla bioetica, divenendo anche membro del relativo Comitato Nazionale.
È stato presidente della Società italiana di Fertilità e Sterilità.
Aderente all'UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti), ne è stato nominato presidente onorario.
È Presidente onorario della Associazione Italiana per l'Educazione Demografica (AIED).
È socio onorario della Consulta di Bioetica.
Nel campo della pubblicistica e della saggistica, oltre a collaborare con numerose riviste scientifiche, è stato autore di un migliaio di memorie scientifiche nonché di molti libri, relativi soprattutto a problemi riguardanti la salute della donna e agli aspetti medici e bioetici legati alla riproduzione e alla fecondazione assistita.
Come scrittore, è autore di racconti, di storie poliziesche e di libri per l'infanzia. Nel 2011 ha vinto il premio letterario Serantini per il suo Un tranquillo Paese di Romagna. Il suo sito personale raccoglie i suoi scritti prevalentemente dedicati a temi etici e biomedici.
Nelle elezioni europee del 2009 si è candidato nella lista "Sinistra e Libertà" per il collegio dell'Italia nord-orientale.

Ha scritto la prefazione di I Laic a cura della redazione di Cronache Laiche.

Andrea Frova
Fisico, saggista

Fisico, saggista e scrittore italiano. Ha frequentato il liceo scientifico statale Vittorio Veneto di Milano e si è laureato in fisica presso l'Università di Pavia nel 1959. È professore ordinario di Fisica Generale e docente di Acustica Musicale presso l'Università di Roma "La Sapienza" dal 1967.
In passato, è stato per anni ricercatore degli AT&T Bell Laboratory a Murray Hill nel New Jersey e professore visitatore nelle università dell’Illinois, di Stoccarda, della California, oltre che presso il Politecnico Federale di Losanna.
Autore di numerosi articoli scientifici nel campo della fisica della materia condensata, spettroscopia, dei semiconduttori in particolare, pubblicati dalle più importanti riviste italiane e straniere, è anche autore di libri di divulgazione scientifica e di narrativa. Ha scritto due testi universitari, Semiconduttori (Veschi-Masson 1977) e Fisica nella Musica (Zanichelli 1999) ed è stato curatore (editor) di 5 libri monografici di Fisica in inglese.
Ha pubblicato articoli di carattere non tecnico su quotidiani e riviste (La Repubblica, Corriere della Sera, La Stampa, Sapere, Le Scienze, Newton, ecc).
Alcuni dei suoi libri sono stati tradotti in inglese, giapponese, spagnolo, portoghese, russo.
È risultato vincitore del Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica del 2008 con l'opera Se l'uomo avesse le ali. (fonte Wikipedia)

Ha scritto la prefazione di La chiesa contro Gesù - I e II parte di Roberto Renzetti.

Silvano Fuso
Chimico, docente, ricercatore

Laureato in chimica e dottore di ricerca in scienze chimiche, è docente di chimica e si occupa di didattica e divulgazione scientifica. È socio effettivo del CICAP, (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze), socio di Galileo 2001 (Associazione per la libertà e la dignità della scienza) e della Società Italiana per il Progresso delle Scienze. socio di Galileo 2001 (Associazione per la libertà e la dignità della scienza) e della Società italiana per il progresso delle scienze.
Collabora con diverse riviste e siti Internet. Nel 2012, insieme a Piergiorgio Odifreddi e Carlo Rovelli, ha curato la rubrica “Le parole della Scienza” dell’inserto culturale domenicale “R-cult” di La Repubblica, testata con la quale continua a collaborare. È spesso ospite di trasmissioni televisive e radiofoniche in qualità di esperto.
Il 27 gennaio 2013 è stato intitolato a suo nome l’asteroide 2006 TF7, in orbita tra Marte e Giove.

Ha scritto la prefazione di Gli insegnamenti morali della Bibbia che non ti hanno fatto conoscere di Roberto Renzetti.

Margherita Hack
Astrofisica

Firenze, 12 giugno 1922 – Trieste, 29 giugno 2013.
È stata un'astrofisica, una divulgatrice scientifica italiana e una grande mente libera.

Ha scritto la prefazione di Indipendenza e sovranità - Conversazioni sui Principi fondamentali della Costituzione di Carla Corsetti.

Claudio Lolli
Cantautore

(Bologna, 28 marzo 1950 – Bologna, 17 agosto 2018) è stato un cantautore, poeta, scrittore e docente italiano.
È considerato uno fra i cantautori più impegnati. Oltre a temi politici, Lolli ha saputo trattare nell'arco di una trentina d'anni, incidendo una ventina di album, i più profondi temi dell'essere umano, quali la desolazione e la crisi (Un uomo in crisi. Canzoni di morte. Canzoni di vita), e problematiche sociali e culturali (Ho visto anche degli zingari felici). Oltre a essere un cantautore, Lolli è stato anche uno scrittore e poeta, e, dagli anni ottanta, professore liceale. La poetica di Lolli, come quella di altri cantautori degli anni intorno al Sessantotto, è stata avvicinata alla corrente dell'esistenzialismo (fonte Wikipedia).

Per Andrea Giglio ha scritto la prefazione del suo Magic Mushrooms.

Giovanna Marini
Musicista, cantautrice

È una musicista, cantautrice e ricercatrice etnomusicale e folklorista italiana.
La sua attività multiforme ne ha fatto una delle figure più importanti nello studio, nella ricerca e nell'esecuzione della tradizione musicale popolare italiana.
Autrice anche di canzoni e cantate di propria composizione.

Ha scritto la prefazione del libro di poesie di Mariano De Simone, Stati di tensione.

Peppe Millanta
musicista, scrittore, sceneggiatore

Peppe Millanta è il nome d'arte. Dopo alcuni anni come musicista di strada in un gruppo di World Music (Peppe Millanta & Balkan Bistrò), si è diplomato all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico di Roma in drammaturgia e sceneggiatura. Ha scritto e messo in scena numerose opere teatrali e da alcuni anni si dedica alla scrittura di sceneggiature per il cinema e per prodotti televisivi. Nel 2018 ha esordito con il romanzo Vinpeel degli orizzonti (neo.), piccolo caso editoriale con il quale ha vinto numerosi premi nazionali, tra cui il Premio John Fante (2018), il Premio Alda Merini (2018), il Premio Città di Como (2019), oltre a essere stato candidato al Premio Strega Ragazze e Ragazzi (2018) e selezionato per il Premio Campiello Opera Prima (2018). Nel 2017 ha fondato la Scuola Macondo – l’Officina delle Storie, scuola di scrittura e di lettura dedicata alle arti narrative che opera in varie parti d’Italia.

Ha scritto la prefazione di La ics di Oriana Fiumicino

Sergio Nazzaro
Scrittore, giornalista

Scrittore e giornalista. Nato in Svizzera da una famiglia di origini italiane, poco dopo la sua nascita i genitori decidono di rientrare in Italia e stabilirsi a Mondragone. Si laurea all'Orientale di Napoli, sotto l'egida della professoressa Marinella D'Alessandro, con la tesi Qualcosa di sconosciuto:la poesia di Gyorgy Petri, uno dei maggiori poeti magiari contemporanei, che sarà pubblicata da Aracne Editrice nel 2003.
Continua le sue collaborazioni con testate giornalistiche su carta e online, cura alcuni blog che hanno dei focus sia sul mondo dell'editoria, come "Scrittori in causa" insieme ad altri scrittori, e altri che sono volti alla valorizzazione delle eccellenze del mondo artistico e sociale campano, come l'ideazione del blog del fotografo Giovanni Izzo e quello della cooperativa sociale Made in Castel Volturno. Prosegue inoltre con le partecipazioni a redazioni per la realizzazione di documentari per la televisione.
Fra i suoi lavori più conosciuti è possibile annoverare i libri Io, per fortuna c'ho la camorra (2007) e Mafiafrica (2010) che si prospettano sintesi del lungo studio fatto, non solo in Italia, sul mondo delle mafie internazionali, le collusioni e le rotte dei traffici che tengono in piedi le organizzazioni criminali. A questi si aggiungono anche la partecipazione a documentari come Camorra&cocaina (2009) episodio finale della serie Vangard Italia (Current Italia) che partendo dal Sudamerica tracciava le rotte di arrivo degli stupefacenti in Italia e i reportage d'inchiesta con giornalisti stranieri quali l'americano Christof Putzel e lo scrittore inglese, ex trafficante di droga, Howard Marks "Howard Marks on Drugs" (2010). (fonte Wikipedia).

Ha scritto la prefazione della graphic novel Storie inutili, testi di Luca Scornaienchi e disegni di Elena Rapa.

Adele Orioli
Consulente legale

Nasce e vive a Roma da famiglia multiproveniente.
Consulente legale e istruttrice cinofila. la stranezza sta nel fatto che il secondo paga il primo...
Fino al 2013 è stata membro del Comitato di Coordinamento dell'UAAR con l'incarico di curare le iniziative legali, di cui continua ad occuparsi.

 Ha scritto la prefazione di L’italia degli altari - la Madonna, lo Stato laico e l’ipocrisia sociale di Pietro Galvagno.

Moni Ovadia

Moni Ovadia nasce a Plovdiv in Bulgaria nel 1946, da una famiglia ebraico-sefardita.

Dopo gli studi universitari e una laurea in scienze politiche ha dato avvio alla sua carriera d'artista come ricercatore, cantante e interprete di musica etnica e popolare di vari paesi. Nel 1984 comincia il suo percorso di avvicinamento al teatro, prima in collaborazione con artisti della scena internazionale, come Bolek Polivka, Tadeusz Kantor, Franco Parenti, e poi, via via proponendo se stesso come ideatore, regista, attore e capocomico di un "teatro musicale" assolutamente peculiare, in cui le precedenti esperienze si innestano alla sua vena di straordinario intrattenitore, oratore e umorista. Filo conduttore dei suoi spettacoli e della sua vastissima produzione discografica e libraria è la tradizione composita e sfaccettata, il "vagabondaggio culturale e reale" proprio del popolo ebraico, di cui egli si sente figlio e rappresentante, quell'immersione continua in lingue e suoni diversi ereditati da una cultura che le dittature e le ideologie totalitarie del Novecento avrebbero voluto cancellare, e di cui si fa memoria per il futuro (tratto dal sito ufficiale).

Per Tempesta Editore ha scritto l'Introduzione di Le parolacce di Dante Alighieri di Federico Sanguineti.
 

La foto di Moni Ovadia è di Filippo Caranti aka Terrasque
Sandro Portelli
Docente

Ha insegnato Letteratura angloamericana all’Università “La Sapienza” di Roma; è Presidente del Circolo Gianni Bosio ed è considerato uno dei fondatori della storia orale, oltre ad essere un profondo conoscitore della musica nordamericana di tradizione orale (e non solo).

Ha scritto la prefazione di Da che parte stai? di Mariano De Simone.

Filippo Scozzari
Fumettista, illustratore, scrittore

È un fumettista, illustratore e scrittore italiano.
Iniziò a pubblicare storie a fumetti a metà degli anni settanta sulle riviste Re Nudo e Il Mago Nel 1977, si concretizzò il suo vecchio sogno di una rivista a fumetti autonoma, entrando nella redazione di Cannibale, periodico irregolare al quale Scòzzari partecipò assieme ad altri astri nascenti del fumetto italiano: Andrea Pazienza, Tanino Liberatore, Stefano Tamburini e Massimo Mattioli, i due fondatori; la rivista visse fino al giugno del 1979. Dal 1978 moltissime sue vignette furono pubblicate dal settimanale satirico romano Il Male, di cui diventò in fretta una delle principali matite. È su questo foglio per esempio che nacque Suor Dentona, celebre personaggia deglutente che trasmigrò poi su altre testate (accanto ad un minuscolo ritrattino della Santa prendevano corpo lunghi, deliranti monologhi, che terminavano invariabilmente con la frase "...la prossima battaglia lo rifaccio").
Nel 1980, col medesimo gruppo di Cannibale, più il giornalista Vincenzo Sparagna, Scòzzari fondò il mensile Frigidaire. La rivista, fra mille patemi e mille avventure, durò oltre vent'anni, e vi realizzò le sue più note opere a fumetti: La Dalia Azzurra, Il dottor Gek, Primo Carnera, Il Mar delle Blatte, Macchine a Molla. Inoltre tradusse racconti, scrisse articoli, recensionò, fotografò, inventò copertine, intervistò, scovò e promosse giovani talenti.
L'attività di quegli anni fu poi condensata in otto albi a fumetti: Primo Carnera, Dottor Jack, La Dalia Azzurra. Il Mar delle Blatte, Altri Cieli, Fango e Ossigeno, Suor Dentona e Altre Battaglie, Donne.
Nel 1985 col fratello Paolo fondò l'agenzia di pubblicità A.G.O.- Alcuni Giovani Occidentali, e realizzò illustrazioni pubblicitarie per riviste di moda e clientela varia milanese.
Dagli anni novanta, con racconti a fumetti, interventi, recensioni e illustrazioni, Scòzzari fu ospitato anche fra le pagine del mensile d'erotismo d'autore Blue (Coniglio Editore), chiuso nel 2010 al suo 200esimo numero.
In seguito sono stati pubblicati numerosi libri.
Ha tenuto mostre personali a Bologna, Roma, Milano, Rimini, Reggio Emilia, Venezia, Treviso, Atene, Cusano Milanino, Putignano Barese, Casoli, e a Verucchio, nel proprio giardino, via Serra.
Ha tenuto lectures a Torino, Arezzo, Bologna, Istanbul, Roma, Milano, Napoli, Tunisi e Copenaghen. (fonte Wikipedia)

Ha scritto la prefazione di Masinfonia di Mauro Masi.

Karla Suarez
Scrittrice

(L'Avana, 1969) è una scrittrice cubana.
Laureata in Ingegneria in Computer, all’Istituto Superiore Politecnico José Antonio Echeverría (ISPJAE), L’Avana, 1992.
Con il suo primo romanzo Silenzi ha vinto il Premio Lengua de Trapo in Spagna in 1999 ed è stata scelta per il giornale spagnolo El Mundo tra i 10 giovani scrittori dell’anno 2000. Nel 2010 il romanzo Silenzi è stato adattato per il teatro in Francia. Nel 2013, Ecume (l'ensemble corale dell'Università di Montpellier, Francia) ha reso "Soy Cubana", una creazione per il teatro musicale tratto di questo romanzo.
Ha partecipato a varie antologie di racconti uscite in Italia, Spagna, Cuba, Stati Uniti, Francia, Portogallo, Inghilterra e diversi paesi dell’America Latina.
Ha diretto corsi di scrittura creativa in Italia e Francia. È stata collaboratrice nei diversi giornali tra cui: lo spagnolo El Pais o il messicano El informador.
Nel 2007 Karla Suárez è stata scelta per il Hay Festival e per Bogotá capitale mondiale del libro tra i 39 giovani scrittori più rappresentativi dell’America Latina.
Dopo aver vissuto cinque anni a Roma, e sei a Parigi, attualmente risiede attualmente a Lisbona, Portogallo. La scrittrice coordina il Club di Lettura dell'Istituto Cervantes di Lisbona (fonte Wikipedia).

Ha scritto la prefazione del libro fotografico di Luciano Del Castillo, Dalla luna al vento.

Luigi Tosti
Magistrato

Padre insegnante elementare e madre casalinga, nasce a Cingoli, in provincia di Macerata,nel 1948. Conseguita la maturità al liceo classico, si laurea in Legge nel febbraio 1972, presso l’Università di Macerata. Superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense, è stato iscritto al relativo albo per tre anni. Ha maturato poi altra esperienza professionale presso l’ufficio legale del credito fondiario umbro-marchigiano di Ancona e poi come vice-segretario comunale. Nel 1979 ha vinto il concorso in magistratura. Dal 1980 sino al gennaio 1986 ha ricoperto l’incarico di giudice presso il Tribunale di Oristano, in Sardegna. Dal 1986 al 1995 ha esercitato le funzioni presso il tribunale di Rimini e dal 1996 le esercita presso il Tribunale di Camerino. Tosti è il giudice che diversi anni fa, dopo avere inutilmente chiesto a diversi ministri di Giustizia di pronunciarsi sulla questione, ha rimosso il crocifisso dall’aula giudiziaria dove teneva udienza ribadendo che il presunto obbligo di esposizione risale a un atto ministeriale dell’era fascista. Tosti è stato sospeso dal Consiglio Superiore della Magistratura per tre anni, restando senza stipendio, ed è stato denunciato per interruzione di pubblico servizio e omissione di atti d’ufficio. La denuncia porterà una condanna a sette mesi di reclusione e a un anno di interdizione dai pubblici uffici. Finalmente nel marzo 2009 la Sesta Sezione della Corte di Cassazione ha ribaltato la precedente sentenza assolvendo il magistrato “per non aver commesso il fatto”. Il 22 gennaio 2010 la commissione disciplinare del CSM lo ha invece licenziato.

Ha scritto la prefazione di Perché i preti sono pedofili di Carla Corsetti.

Francesca Vecchioni
Giornalista

Attivista per i diritti civili, consulente e giornalista. Si occupa di formazione e comunicazione come Presidente di Diversity, l’associazione che opera per promuovere la conoscenza e abbattere il pregiudizio sociale relativo all’orientamento sessuale-affettivo, all’espressione e l’identità di genere e alle diverse forme di famiglia, al fine di favorire l’egualitario trattamento sociale e giuridico di tutti i soggetti coinvolti, con particolare attenzione verso i minori.
Francesca è madre di due bambine, concepite per amore, e promessa sposa non mantenuta causa lievi difformità di diritto. Nata a Firenze, cresciuta a Roma, laureata a Milano dove vive.

Ha scritto la prefazione di Genitori GAY - Good As You di sara Kay.

Mina Welby
Attivista per i diritti civili

Wilhelmine Schett (chiamata Mina Welby) è nata a San Candido (Bz) il 31 maggio 1937. Diplomata al liceo classico e abilitata all’insegnamento, ha insegnato per qualche anno a Merano nelle scuole medie.
Trasferitasi a Roma ha sposato Piergiorgio Welby, affetto da distrofia muscolare. Ha insegnato in scuole private la lingua tedesca.
Dal 2003 è iscritta a Radicali Italiani e all’Associazione Luca Coscioni, di cui è Co-Presidente dal 2011.
Dopo la morte del marito Piergiorgio ha proseguito il suo impegno e continua a testimoniare nei dibattiti pubblici l’importanza di temi come l’autodeterminazione della persona, le scelte di vita e fine vita, nonché la rilevanza di un’assistenza adeguata alla persona malata e la vita indipendente della persona disabile.

Ha scritto la prefazione di Riposa in pace... anzi no.

Vittorio Zucconi
Giornalista

È stato un giornalista e scrittore italiano.
Nasce a Bastiglia, comune della provincia di Modena, figlio del giornalista Guglielmo Zucconi (fu direttore della Domenica del Corriere e del Giorno). Giovanissimo, si trasferisce con la famiglia a Milano, dove studia al Liceo Parini. Collabora al giornalino del liceo La zanzara, fino a diventarne direttore. Al Parini, Zucconi conosce uno studente più giovane, che convince a scrivere per il giornale: Walter Tobagi. Si iscrive all'Università degli Studi di Milano, dove si laurea in Lettere e filosofia.
Comincia la professione giornalistica nei primi anni sessanta come cronista di nera al quotidiano La Notte di Milano, sulle orme del padre. È corrispondente, prima da Bruxelles e successivamente da New York per La Stampa, da Parigi per la Repubblica, da Mosca per il Corriere della Sera durante il periodo della Guerra Fredda e dal Giappone ancora per La Stampa. Tra gli scoop, si segnala per la scoperta del caso Lockheed (1976), lo scandalo degli aerei C130 venduti all'Italia grazie alle tangenti versate a generali e ministri e per il quale l'allora presidente della repubblica Giovanni Leone fu costretto a dimettersi,
Nel 1985 Zucconi si trasferisce definitivamente a Washington, dove ricopre l'incarico di editorialista dagli Stati Uniti per la Repubblica e dove vive tuttora. Dall'esperienza nata dal suo lavoro come corrispondente e inviato speciale ha tratto il libro Parola di giornalista.
È stato direttore dell'edizione web di Repubblica e dell'emittente Radio Capital. Su quest'ultima curava una rubrica di filo diretto con gli ascoltatori, che va in onda una volta al giorno e la trasmissione del preserale TG Zero. Curava inoltre una rubrica sul settimanale D - la Repubblica delle Donne e la rubrica Parola di Nonno sulla rivista bimestrale Kids.
Insieme al padre ha scritto il libro La scommessa (1993). Una sua antologia per ragazzi, Stranieri come noi (1993), pubblicato dalla Einaudi Scuola è stata adottata come testo di lettura per le Scuole Medie (fonte Wikipedia).

Ha scritto la prefazione di Soldo di cacio (anche in ebook) di Silvia Mobili.